Il canto rivelatore

Si narra che alcuni particolari uccellini svolazzino tutto il giorno nell’azzurro cielo che sovrasta il cuore antico di Sciacca; volano sopra i tendoni del mercato alla ”chiazza”, sulle insegne dei negozi, tra le palme “di lu chianu”, sfiorano gli ignari passanti, beccando qua e là notizie, lamentele,  propositi ed iniziative. All’imbrunire poi,  vanno a posarsi sul davanzale di qualche servo … Continua a leggere

E fu la luce….

Alleluia  alleluia, le luminarie del centro storico risplendono ora per tutta la notte, finalmente quindi c’è stato restituito uno dei tanti servizi che paghiamo.   Saranno state le numerose segnalazioni dei saccensi? L’interesse di qualche amministratore umile e anonimo? In giro nessuno sembra sapere niente, l’unica cosa che ci è stata raccontata è una legenda che desideriamo condividere con tutti … Continua a leggere

Ancora nulla

Oggi 24 luglio 2008, a due giorni dalla segnalazione fatta per le anomalie riguardanti l’impianto d’illuminazione del centro storico di Sciacca, purtroppo nulla è cambiato, il quartiere continua a rimanere al buio durante le ore notturne. Noi continuiamo ad attendere speranzosi che il problema venga risolto al più presto nell’interesse e per la sicurezza di tutti i cittadini.

E fu la notte….

“E fu la notte, la notte per noi, buio e silenzio son scesi su noi….”,  cantava Fabrizio De Andrè in una delle sue canzoni, così, anche sul centro storico di Sciacca è calata l’oscurità . Oggi 22 luglio 2008 continua il giallo dell’illuminazione notturna a Sciacca. Anche stanotte luci spente in via Roma, via Garibaldi, parte della via Licata, in … Continua a leggere

Riprendiamoci il centro storico

Negli ultimi anni il centro storico di Sciacca, come del resto buona parte del paese, è stato investito da una (e qui cito testualmente il vocabolario) Dottrina sociale e politica che propugna l’abolizione dell’autorità costituita e accentrata nonché di ogni forma di costrizione estrema. In parole povere, a Sciacca e, in modo particolare, nel centro storico, l’anarchia regna sovrana e … Continua a leggere

sciacca

Sciacca, tu sì la me ‘nnamurata, t’amu cù cori e mi sentu filici, ogni cuntrata è d’oru arriccamata, e binirittu sia cu ti fici. Supra d’un cozzu fusti fabbricata e attangata di li setti porti; di grossa mura tutta ricintata pi la difisa di l’amari lotti. E ‘stu casteddu è tistimunianza d’un populu superbu e malantrinu, chinu di nubiltà e … Continua a leggere