Il canto rivelatore

Si narra che alcuni particolari uccellini svolazzino tutto il giorno nell’azzurro cielo che sovrasta il cuore antico di Sciacca; volano sopra i tendoni del mercato alla ”chiazza”, sulle insegne dei negozi, tra le palme “di lu chianu”, sfiorano gli ignari passanti, beccando qua e là notizie, lamentele,  propositi ed iniziative. All’imbrunire poi,  vanno a posarsi sul davanzale di qualche servo della partitocrazia  intonando  per questo, il loro canto rivelatore.

 

Il servo così ispirato, può correre a mettere qualche pezza, in silenzio e creando l’illusione che, tutto sommato, le cose funzionano.  

 

Certo, magari  è solo una diceria, un pettegolezzo di quartiere;  ma per quanto breve sia questa storia, credo proprio che la dica lunga sullo stato attuale delle cose.

 

Il canto rivelatoreultima modifica: 2008-07-30T17:03:30+02:00da xacca_nccs
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento